lunedì 14 aprile 2014

Strozzapreti al pomodoro e lardo di Arnad



Ricetta fusion tra Puglia, Val d'Aosta e Umbria della prima ho utilizzato la pasta, gli strangola preti, e dalla seconda ho utilizzato il lardo di Arnad e dalla terza ho presto spunto dal Rancetto, un sughetto delizioso a base di pomodori e guanciale.
Questa ricetta fusion é nata dall'esigenza di utilizzare un pezzetto di lardo che da qualche tempo soggiornava nel mio frigo.
Sono soddisfatta del risultato e ve lo propongo!

Per 2 persone
Ingredienti

200 gr strozzapreti
50 gr lardo di Arnad
2 pomodori maturi (o passata di ottima qualitá)
sale e pepe q.b.

Procedimento
Tagliare a striscioline il lardo e farlo sudare per pochi minuti, scolare il grasso in eccesso e aggiungere la passata di pomodori meglio se preparata con pomodori freschi.
Cuocere a un fuoco medio pe una ventina di minuti, aggiungendo se necessario un po' d'acqua di cottura della pasta.
Aggiustare di sale.
Cuocere al dente gli strozzapreti e passarli un minuto nella salsa.
Spolverare con il pecorino romano e servire subito.

mercoledì 9 aprile 2014

Quaresimali: marzapani



Dolci genovesi inventati nel convento genovese dalle suore agostiniane nel 1500 che rispettano i precetti della quaresima ma che allo stesso tempo erano un valido aiuto per il periodo di penitenza che precede la S. Pasqua.

Dolci profumatissimi aromatizzati al fior d'arancio si trovano in bella mostra nella vetrine dalle storiche pasticcerie genovesi solo durante la quaresima.

Ne esistono tre versioni:
mostaccioli a forma di rombo farciti con marmellata
canestrelli ciambelline decorate con semi di finocchio confettati
marzapani biscottini tondi decorati con fondant di zucchero e confettini colorati

Ovviamente le ricette sono tenute segrete ma anche a casa si possono ottenere buoni risultati.

Ho provato quest'anno una ricetta diversa da quella che avevo fatto qui e qui e sono soddisfatta del risultato ottenuto.

Ingredienti
150 gr mandorle pelate
120 gr zucchero
30 gr acqua fiori d'arancio q.b.

zucchero a velo q.b.

Per il fondant
100 gr zucchero a velo
2 cucchiaini acqua di fiori d'arancio

confettini colorati

Tritare le mandorle nel mixer insieme allo zucchero fino ad ottenere una sottile farina. Spolverare la spianatoia con lo zucchero a velo. Versare l'impasto sulla spianatoia e unire l'acqua di fiori d'arancio. Lavorare il tutto fino ad ottenere un composto abbastanza solido. Stendere in uno strato di circa 5-6 mm di spessore. Con uno stampino di Ø 4-5 cm creare dei dischi e premere sulla parte centrale del disco con un peso in modo da creare una piccola concavitá che poi verrà riempita col fondant.
Disporre su una leccarda e infornare a 200° C per pochi minuti fino a quando i bordi cominciano a dorarsi. Far raffreddare.
Preparare il fondant mescolando gli ingredienti.
Decorare con il fondant e poi con i confettini colorati prima che il fondant solidifichi.